Trasporti e green pass

Trasporti e Green Pass

La FIAP da alcune settimane sta cercando di far comprendere al Governo gli effetti fortemente negativi dell’entrata in vigore – a partire dal 15 ottobre – dell’obbligo di green pass nel mondo dei trasporti.

Nel settore dell’autotrasporto su gomma, che in Italia muove circa il 90% della merce, molti autisti sono sprovvisti di green pass. Non necessariamente per la scelta personale di non vaccinarsi, ma perché non tutti i paesi esteri hanno adottato lo stesso provvedimento.
La situazione rischia di avere un impatto molto negativo. Portando ad un’allarmante carenza di autisti potrebbe provocare notevoli dissesti finanziari per le imprese di autotrasporto. Ciò a causa della sospensione dei servizi per carenza di manodopera.

Sulla base dei dai dati raccolti si stimano inefficienze e una possibile riduzione della capacità di consegna sino al 50%. Con la conseguente mancanza di prodotti di consumo essenziali, (alimentari, farmaceutici e materie prime) e la generazione di forti ripercussioni sull’intera economia Italia, già provata dalla pandemia.

Si spera che il Governo accolga la richiesta della FIAP di esonerare dal controllo del green pass tutti gli autisti addetti dell’autotrasporto impiegati nelle attività di carico e scarico.